19
Fri, Apr

Termocamini a pellet: vantaggi, svantaggi e caratteristiche

Riscaldamento

Si tratta di camini aventi camera chiusa alimentati, appunto, tramite la combustione di pellet. In questo articolo andremo a vederne le caratteristiche salienti, vantaggi e svantaggi.

È utile ricordare che, i camini a camera chiusa detti anche termo camini, sono apparati atti al riscaldamento degli ambienti dove, la camera di combustione è chiusa e schermata al fine di isolarla dall'ambiente circostante. In genere, la schermatura, viene realizzata tramite una lastra in vetro resistente al fuoco. In questo modo si otterrà di rendere visibile la fiamma mentre brucia, come succede in un vero camino.

Il pellet, invece, è un combustibile a base legnosa, il quale, viene ottenuto addensando la polvere di legno proveniente dagli scarti di lavorazione dell'industria del legno e dell'agricoltura. Tutto il materiale legnoso di scarto, viene prima finemente triturato e quindi addensato al fine di ottenere dei cilindretti di lunghezza e diametro differenti. Per sua natura, il pellet, è privo di additivi chimici e collanti. L'utilizzo del pellet per il riscaldamento degli ambienti domestici presenta i seguenti vantaggi:

  • Ecologico. La combustione del pellet ha un'emissione di anidride carbonica molto bassa con un bilancio prossimo allo zero. Bruciando pellet, infatti, viene sì prodotta CO2 ma in quantità pari a quella che la pianta, da cui il pellet ha origine, ha sottratto dall'atmosfera durante la sua vita, per mezzo della fotosintesi clorofilliana. In più, i dispositivi in cui il pellet viene impiegato come combustibile, lavorano a temperature assai elevate e riescono quindi a ossidare tutti i componenti gassosi prodotti, il che consente di ridurre all'osso le emissioni in atmosfera.
  • Consuma materiale di scarto. Come già visto, il suo processo produttivo utilizza materiali di scarto e non richiede quindi l'abbattimento di nuove piante per la sua produzione.
  • Contribuisce allo smaltimento dei rifiuti. Il suo processo produttivo, infatti, ne utilizza alcuni come materia prima.
  • Costa poco. Il costo del pellet, a parità di energia generata, è inferiore al legno in ciocchi o in trucioli.
  • Occupa poco spazio. Il peso specifico del pellet è molto elevato, questo ne permette lo stoccaggio di grandi quantità in spazi ridotti. Viene venduto in sacchetti da 15 o 20 kg ed è molto facile da trasportare.
  • Produce poca cenere. La quantità di cenere prodotta è inferiore all'1% del volume iniziale.

Come funzionano i caminetti a pellet?

Da un punto di vista realizzativo, i caminetti a pellet, sono assemblati a partire da monoblocchi prefabbricati, i quali possono essere;

  1. Inseriti all'interno di un vecchio camino in disuso.
  2. Trovare impiego come base di una struttura in muratura, la quale, verrà costruita intorno a essi con mattoni e altri materiali refrattari. Questa struttura aggiuntiva, accumulerà il calore sviluppato dal caminetto e lo rilascerà in maniera lenta e costante nell'ambiente circostante.
  3. Posizionati centralmente a una stanza o in un angolo, se già equipaggiati di un rivestimento in materiale refrattario o in ceramica per l'accumulo del calore prodotto.

Questo monoblocco è, quindi, in tutto e per tutto, una stufa a pellet.

Vantaggi e svantaggi dei termocamini a pellet

Vantaggi dei termocamini:

  • Completo automatismo e programmabilità dell’apparato. Essendo dotati di microprocessori, è possibile programmarne temperatura, ara di accensione, ora di spegnimento ecc.
  • Possibilità di riscaldare l’intero ambiente. Questo è permesso dal mix di sistemi di trasmissione del calore prodotto, l'irraggiamento viene unito alla convenzione per un calore diffuso anche in punti abbastanza lontani dal camino.
  • Buon rendimento termico. Questa caratteristica è assicurata dalla combustione doppia e dall'accumulo di calore tramite materiale refrattario. In questo modo, solo una piccola percentuale del calore prodotto viene perso con i fumi di scarico.
  • Elevata sicurezza. L'aria calda non si mescola con i fumi di scarico e, quindi, non potrà contenere sostanze nocive.
  • Autonomia. Una carica di combustibile assicura circa due giorni di autonomia.
  • Minima manutenzione richiesta. La quantità di cenere prodotta è molto piccola, meno dell'1% del volume iniziale del pellet diventa cenere. Questo permette di pulire il caminetto di rado.
  • Costi di gestione bassi. Il pellet costa molto poco e, in più, tale tipologia di caminetti hanno una resa termica elevata.
  • Detrazioni fiscali all'acquisto.

Svantaggi dei termocamini:

  • Necessità di alimentazione elettrica. Senza elettricità, i camini a pellet, non funzionano. L'elettricità serve per alimentare il microprocessore, la centralina, le resistenze, il motore elettrico ecc.
  • Canna fumaria. Per installare un termo camino a pellet è indispensabile la presenza d una canna fumaria per scaricare all'esterno i gas di scarico prodotti durante la combustione.

Tipologie di termocamini a pellet

I camini a pellet, possono essere di due differenti tipi:

  • Ad aria. Si tratta della tipologia che aspira l'aria dall'ambiente circostante scaldandola per poi reimmetterla nella stanza. La loro potenza termica è medio-bassa e vengono impiegati per il riscaldamento della sola stanza in cui sono installati.
  • A acqua. Sono in grado di generare una potenza termica medio alta e funzionano come una caldaia. Invece di scaldare direttamente l'aria dell'ambiente circostante, riscaldano dell'acqua che viene poi utilizzata per scaldare i termosifoni della casa. In questo modo, il camino, sarà in grado di scaldare tutta l'abitazione.