27
Thu, Jun

Tende: caratteristiche e utilizzo

Infissi

Le tende, sono complementi d'arredo dotate di funzionalità pratiche, indispensabili per la nostra privacy e vanno quindi scelte con cura in base alle specifiche
esigenze. In questo articolo, analizziamo le varie tipologie e caratteristiche.

Che cosa sono le tende?

Le tende, altro non sono, che complementi d’arredo, in tessuto, i quali, vengono installati:

  • In senso verticale, davanti a porte e finestre, al fine di filtrare la luce e garantire la privacy.
  • In senso orizzontale, per proteggere dal sole e dalla pioggia negli spazi esterni. Le cosiddette tende parasole.

Caratteristiche delle tende

  • Le caratteristiche maggiormente comuni alle tende sono:
  • Regolare la luminosità che passa da una porta o una finestra. Scegliendo opportunamente il tessuto, è possibile ottenere un’attenuazione leggera o il totale oscuramento.
  • Proteggere dal calore. Riducendo la quantità di radiazione luminosa che filtra all’interno della stanza, permettono di mantenere basse le temperature nella stagione calda.
  • Assicurare la privacy.
  • Ridurre la dispersione termica attraverso i vetri, contribuendo a ridurre i costi per la climatizzazione degli ambienti.
    Arricchire l’arredamento degli ambienti.

Tipologie di tende

Le tende si suddividono in due grandi categorie: tende da interno e tende da esterno.

Tende per interni

Realizzate, di solito, in tessuto leggero, lasciano filtrare la luce solare. Vengono montate a ridosso degli infissi, pendendo parallelamente a essi. Installate su un apposito bastone per tende, un binario o un rullo, i quali, sono montati sulla parte che sovrasta l'infisso o sull'infisso stesso.

Ne esistono varie tipologie, ecco le più comuni:

  • Tenda a bastone. Si tratta di un tipo di tenda, sospesa verticalmente a un bastone dotato di anelli metallici. Il bastone può essere realizzato in materiali come metallo, resina legno ecc. È montato su staffe apposita fissate alla parete tramite viti e tasselli. A volte, il bastone, è occultato all'interno di una cappa apposita, denominata mantovana. La tenda viene aperta facendola scorrere, orizzontalmente, sul bastone. Manualmente o tramite un sistema di carrucole. Tende sempre attuali e adatte a tutti gli ambienti, sono assai semplici da smontare.
  • Tenda su binari. I binari per tende, sono una specie di profilato a forma di U, realizzati in alluminio, PVC o acciaio. All'interno, si muovono dei piccoli carrellini, i quali, scorrendo in avanti e indietro, grazie a un sistema di carrucole azionato da un'apposita cordicella, trascinano la tenda. Aprendola e chiudendola. Il bordo superiore del tendaggio, viene fissato tramite, piccole pinze, anelli o fettucce, ai carrellini. Tirando la cordicella, i carrellini, si spostano e con essi si sposta pure la tenda. I binari, come visto in un precedente articolo, sono di svariati tipi e possono permettere un movimento sia orizzontale che verticale dei nostri tendaggi. Il binario, viene fissato al muro tramite staffe apposite. Come il bastone per tenda, anche il binario, se si vuole, può essere celato dietro una mantovana.
  • Tende a pacchetto (o a palloncino). Il nome deriva dal fatto che, quando sono aperte, tale tipo di tende, risultano completamente arrotolate attorno a un asse posizionato, orizzontalmente sopra la finestra, in modo in tutto e per tutto simile a un pacchetto. Quando sono chiuse, invece, come qualsiasi altra tenda, scendono verticalmente. Come è già evidente, le tende a pacchetto, non si aprono seguendo un movimento orizzontale, bensì, verticale. Il movimento è reso possibile grazie ai fili che scorrono all'interno di piccole tasche del tessuto del tendaggio. Assai comode grazie al fatto di non occupare spazio ai lati dell'infisso, quando chiuse, devono essere realizzate con tessuto abbastanza spesso.
  • Tende plissettate. Si tratta di un unico drappo di tessuto dotato di plissettature, ovvero, delle pieghe orizzontali presenti, a intervalli regolari, su tutta la larghezza della tenda. Si aprono e si chiudono come le tende a palloncino appena viste.
  • Tende a pannello. Sono realizzate con più teli mantenuti rigidi da una barra cucina nel bordo inferiore del tessuto. I vari teli, vengono mossi tramite carrellini che scorrono orizzontalmente in un binario a più guide affiancate. Possono essere aperte e chiuse manualmente, tramite un laccetto, una catenella o con l'ausilio di un motorino azionato da un telecomando.
  • Tende a rullo. Costituite da un rullo, azionato da una molla, intorno a cui si arrotola la tenda, si aprono con un movimento verticale, dal basso verso l'alto. Il movimento, come per le tende a pannello, può essere azionato manualmente, tramite cordicella, catenella o elettricamente tramite motorino azionato da telecomando. Per funzionare bene, è importante che il tessuto della tenda sia abbastanza rigido. Vengono usate principalmente per l'arredamento di uffici.
  • Tende veneziane. Sono realizzate con lamine orizzontali sovrapposte di vari materiali. Le lamine, sono ancorate a cordicelle che quando vengono tirate, trascinano le lamine verso l'alto.
  • Tende oscuranti. Si tratta di tende in grado di bloccare del tutto la luce permettendo di fare buio nell'ambiente in cui sono installate. Un esempio di tende oscuranti, è quello chiamato a doppio tessuto. Si tratta di una tenda a rullo, sulla quale, possono scorrere, in maniera alternata, due diversi tessuti. Il più esterno lascia filtrare la luce, il secondo, invece, blocca completamente la radiazione solare e permette di fare buio nella stanza.

Tende per esterni

Vengono utilizzate per proteggere gli ambienti dal sole e per coprire terrazzi, giardini e balconi per proteggerli dal sole e dalla pioggia. Utilizzate per gli stessi motivi, anche in locali pubblici, come bar e ristoranti. Realizzate in genere in tessuto sintetico, possono essere sia fisse che mobili. Abbiamo così, tende da esterno avvolgibili, le quali, si avvolgono attorno un rullo e possono essere sia a braccia estensibili che a caduta. Le prime, sono oblique e con inclinazione regolabile. Implementano due braccia che, a tenda stesa, risultano completamente aperte sui laterali, sorreggendo il peso della tenda. Le seconde invece, ovvero le tende da esterno a caduta, hanno apertura a discesa guidata da cavi o binari. In alcuni casi sono dotate anche di braccetti laterali che permettono di ancorarle a balconi e ringhiere e di regolarne l'inclinazione. Le tende avvolgibili a caduta,sono verticali e la tipologia più comune è quella denominata a cappottina. Caratterizzata da struttura arrotondata, la quale, a tenda aperta, permette di impacchettare tutto il tessuto sulla parete. Questa struttura è equipaggiata, su entrambi i lati, di braccetti con un'estremità fissata su un perno unico e l'altra ancorata, a intervalli regolari, alla lunghezza del tendaggio.