27
Thu, Jun

Manutenzione degli infissi in alluminio

Infissi

Questo articolo vuole essere una guida alla corretta manutenzione degli infissi in alluminio. Vediamo i prodotti da utilizzare e come controllare guarnizioni e ferramenta al fine di assicura una maggiore durata delle nostre finestre.

La corretta manutenzione degli infissi realizzati utilizzando alluminio anodizzato, è fondamentale importanza, in quanto, tale materiale, non permette interventi di restauro. Infatti, sebbene, l'alluminio anodizzato sia un materiale assai resistente, agli agenti atmosferici e alla corrosione, necessita però di manutenzione al fine di mantenere inalterate le sue caratteristiche. Vediamo come procedere:

Attrezzi e prodotti necessari:

  • Detergente neutro con PH da 6 a 7
  • Stracci in microfibra
  • Spazzola con setole morbide
  • Spatole di plastica con bordo arrotondato,
  • Lucidante per carrozzeria tipo polish
  • Guarnizioni adesive
  • Vaselina o spray siliconico per mantenere le guarnizioni morbide
  • Grasso solido o spray per ingrassare i serramenti.

Pulizia di telaio, controtelaio, guarnizioni e ferramenta

Le operazioni di pulizia degli infissi realizzati in alluminio, andranno eseguite una volta ogni tre mesi. Se però si vive in una zona ad alto tasso di smog o a meno di 2 km di distanza dal mare, allora si dovrà intervenire più spesso.

La pulizia consisterà nel lavaggio dell'intero infisso, guarnizioni e vetri compresi. Si dovrà utilizzare solo acqua e detergenti neutri non aggressivi. Se vogliamo evitare di arrecare danni e accorciare la vita dei nostri infissi, dobbiamo essere molto delicati al fine di evitare di scalfire il sottile strato di ossido che protegge l'alluminio dall'aggressione degli agenti atmosferici.

Nel caso in cui, sul nostro infisso, vi siano macchie di cemento, intonaco, vernice e qualsiasi altra sostanza che si è ormai solidificata sulla superficie, dovremo assolutamente evitare di provare a rimuoverla utilizzando raschietti metallici. Ci serviremo, a limite, di spatole di plastica con bordo arrotondato e sempre prestando la massima attenzione. Un piccolo trucco, in presenza di macchie persistenti che si fatica a mandare via, è quello di utilizzare della pasta lucidante per carrozzeria tipo polish.

Sostituzione delle guarnizioni di serraggio negli infissi in alluminio

Anche la verifica delle guarnizioni degli infissi in alluminio, va effettuata con cadenza trimestrale. Si tratta di un'operazione da non trascurare, in quanto, dalla loro tenuta, dipendono molto i consumi energetici relativi a riscaldamento e raffrescamento dell'ambiente domestico.

La prima cosa da fare è eseguire un accurato lavaggio delle stesse e poi procedere a un'attenta ispezione. Le guarnizioni che presentano tagli o che appaio irrigidite, vanno subito sostituite.

Come sostituire le guarnizioni degli infissi

Le guarnizioni per gli infissi in alluminio, sono assai facili da sostituire in quanto sono di tipo adesivo. Per prima cosa dovremo rimuovere, come è ovvio, la vecchia guarnizione e, servendoci di una spatola, asportare gli eventuali residui di colla. Adesso andiamo a misurare il perimetro dell'infisso e tagliamo la guarnizione una manciata di centimetri più lunga del necessario. Questo servirà di ritrovarci a dover buttare via metri di guarnizione nuova solo perché abbiamo sbagliato di un paio di centimetri la misurazione. Incolliamo la guarnizione nuova partendo dal lato più basso e pressando man mano che si procede verso l'alto. Un punto critico sono gli spigoli. Facciamo attenzione a fare aderire bene, la guarnizione, anche in questi punti. Tagliamo il paio di centimetri di guarnizione in eccesso. Il tocco finale è ingrassare la nuova guarnizione con un filo di vaselina o una spruzzata di spray siliconico. Questo piccolo accorgimento, allungherà la sua vita mantenendola morbida nel tempo.

Interventi di registrazione e lubrificazione della ferramenta

Queste operazioni di manutenzione, vanno eseguite con cadenza annuale. Si tratta di una ispezione accurata dei meccanismi atti alla chiusura e all'apertura dell'infisso.

Se si riscontrano problemi, i meccanismi relativi vanno smontati e le parti difettose sostituite. Approfitteremo di questa operazione per liberare le parti da sporcizia, per registrarle e lubrificarle.

Sceglieremo per la lubrificazione, un grasso che non gocciola e che sia in grado di ridurre l'attrito per lunghi periodi.

Eviteremo di utilizzare oli disincrostanti i quali hanno la caratteristica di seccarsi molto rapidamente. La registrazione, ridurrà e, in molti casi, eliminerà del tutto, gli eventuali problemi di chiusura.

Se la finestra in questione è del tipo a bilico, tre i meccanismo che ne consentono il movimento, vi saranno anche delle frizioni. Queste ultime, non vanno mai lubrificate, in caso contrario, perderanno la loro funzionalità.

Come pulire i gocciolatoi degli infissi

Questa operazione deve essere fatta con cadenza annuale e prima dell'inizio della stagione delle piogge. Per prima cosa, ispezioneremo le camere montate sulla base della facciata esterna dell'infisso, le quali, hanno la funzione di evacuare l'acqua piovana verso all'esterno. Procederemo quindi a un'accurata pulizia e alla rimozione di qualsiasi corpo estraneo che possa ostacolarne il corretto funzionamento.

È molto importante, durante quest'operazione, servendoci di una sottile bacchetta in plastica, liberare fori e canaline di drenaggio che dovessero risultare ostruiti.