18
Sun, Aug

Battiscopa: guida alla scelta

Pareti

La scelta del battiscopa, deve essere fatta tenendo conto dell'ambiente che andrà a rifinire e del relativo arredamento. In ogni caso, le soluzioni possibili rimangono davvero molte.

 

Esteticamente, il battiscopa, dovrà risultare gradevole in abbinamento a pavimento e arredo. Si può puntare sia a uniformare i colori del battiscopa con quelli del pavimento come se fosse una sua naturale continuazione, sia puntare a uno stacco cromatico netto il quale lo fa risaltare in maniera decisa.

Oltre al fattore estetico, ci sarà da valutare anche quello funzionale. Potremo avere, per esempio, la necessità di far passare all'interno dei cavi o come complemento dell'impianto di riscaldamento. Nel proseguo dell'articolo esamineremo tutte le casistiche.

Che cos’è il battiscopa e quali sono le sue funzioni?

Si tratta di un elemento architettonico di rivestimento, il quale, viene posizionato alla base di una parete nel punto di congiungimento col pavimento. Ha svariate funzioni:

  • Proteggere la parete dai possibili danni che le operazioni di pulizia degli ambienti possono provocare.
  • Rifinire il giunto parete/pavimento, il quale, non risulterà mai essere perfetto
  • Impedire ai mobili di andare ad appoggiarsi alla parete
  • Creare una sorta di prolungamento ideale del pavimento sulla parete

Tipologie di rifinimento

Vi sono moltissime tipologie di battiscopa in commercio che differiscono le une dalle altre per: materiali, colori, dimensioni, funzioni, forma ecc. Vediamo nel dettaglio alcuni dei criteri di classificazione

Materiale costruttivo
  • Legno. L'offerta di battiscopa in legno è molto ampia in quanto si tratta dell'accostamento ideale con parquet o con mobili in legno massello. I battiscopa in legno, vengono realizzati utilizzando la stessa essenza del legno usato per realizzare il parquet: pino, mogano, larice castagno, ecc.
  • Ceramica. Vengono utilizzati in abbinamento con pavimenti realizzati con piastrelle in ceramica. Questo tipo di battiscopa, a volte, viene realizzato semplicemente tagliando le stesse piastrelle usate per la pavimentazione, in strisce.
  • Marmo. Un battiscopa in marmo è un elemento architettonico di grande pregio ma si abbina solo a pavimenti anch'essi in marmo e a un arredamento molto raffinato.
  • Cotto. I battiscopa in cotto, sono l'ideale per ambienti con un arredo rustico e pavimentazioni anch'esse in cotto.
  • Alluminio. I battiscopa in alluminio, si abbiano ad arredamenti moderni e minimalisti. Molto indicati per la rifinitura di un loft.
  • PVC. I battiscopa realizzati in PVC, sono quelli che, in assoluto, presentano il prezzo più basso ma, di contro, sono anche quelli che si abbinano con più difficoltà a pavimentazioni e arredo. Tuttavia, l'ampia gamma di battiscopa realizzati con tale materiale, permette di trovare dei modelli esteticamente accattivanti che si sposano abbastanza bene con pavimenti e arredamento, specie se di stampo moderno.
Forma

I profili dei battiscopa più comunemente diffusi sono:

  • A spigolo vivo. I listelli di questa tipologia di battiscopa, hanno forma di parallelepipedo con spigoli netti. Grazie alle loro linee semplici e precise, si adattano bene all'arredamento minimalista e moderno.
  • Con piedino. La parte del battiscopa che tocca il pavimento, è arcuata verso l'esterno. Il profilo può essere tale da sottendere uno spazio, all'interno del quale, può essere posizionato un cavo.
  • A becco di civetta. I listelli di questo tipo hanno bordo lontano dal pavimento e di forma arrotondata.
Funzionalità

In base alle funzioni che il battiscopa può assolvere, potremo avere:

  • Battiscopa passacavi. Si tratta di una tipologia avente forma scatolata, la quale, permette di posizionare all'interno cavi elettrici, telefonici, televisivi ecc. Risultano molto comodi quando si è impossibilitati a incassare, i suddetti cavi, a muro.
  • Battiscopa con riscaldamento. Al duo interno implementa un elemento radiante scaldato tramite acqua calda. Consente di avere, in questo modo, un impianto di riscaldamento efficiente ed esteticamente gradevole.
  • Battiscopa normale. Classico battiscopa che assolve alle funzioni abbondantemente illustrate sopra.
Dimensioni

Le dimensioni dei battiscopa che possiamo trovare sul mercato sono delle più varie. In ogni caso, la maggioranza dei prodotti in commercio, presenta misure contenute in un range standard. Vediamo quali sono.

  • Lunghezza. In genere, i listelli di battiscopa, non superano i 3 metri e, altrettanto raramente, scendono sotto i 2,40 metri.
  • Altezza. L'altezza di un battiscopa con misure standard, varia dai 4 a i 15 cm, anche se, in genere, è contenuta tra i 6 e gli 8 cm. Battiscopa troppo bassi, hanno il difetto di proteggere poco il giunto parete pavimento. Valori troppo elevati, invece, fanno sembrare bassa la parete.
  • Spessore. Lo spessore in genere oscilla tra 1 e 3 cm. Tale parametro è di sicuro più consistente per i battiscopa con riscaldamento e per quelli passacavi. Uno spessore troppo elevato, ci impedirà di addossare i muri alla parete.

Quanto costa un battiscopa?

Come abbiamo visto, esistono molte tipologie di battiscopa che differiscono tra di loro per forme, dimensioni, materiali, funzionalità ecc. Appare dunque evidente che, il prezzo, varierà al variare di molti parametri. Un battiscopa realizzato in legno di noce, costerà molto di più di uno realizzato in PVC. Allo stesso modo, un battiscopa classico, costerà meno di uno con riscaldamento integrato. Per farvi un'idea dei prezzi, potete visitare il link riportato di seguito, da cui è anche possibile, qualora lo desideraste, acquistare direttamente online il battiscopa per la vostra abitazione.

Listino prezzi battiscopa